Maggioranza Piante antismog Secchi: «Rimedio a basso costo».

Si può combattere lo smog con gli arbusti? Ne è convinto (confortato da una ricerca scientifica) il consigliere comunale Ferdinando Secchi. Con i colleghi Giovanni Dore, Marco Murgia, Filippo Petrucci, Francesco Marcello, Francesca Ghirra, Matteo Lecis Cocco Ortu, Emilio Montaldo, Enrico Lobina e Pier Giorgio Meloni ha presentato una mozione in cui propone una “soluzione a basso costo e naturale per migliorare la qualità della vita nella città di Cagliari”.

Con la mozione i consiglieri chiedono al sindaco e alla Giunta di “far inserire nei prossimi progetti di verde pubblico la piantumazione di alloro e corbezzolo ma anche di ilex, viburno, viburno lucido, fotinia, eleagno e ligustro per abbattere metalli pesanti e anidride carbonica nell’aria in modo efficace”. Perché, conclude Secchi, primo firmatario della mozione, “oltre alla riduzione diretta dell’anidride carbonica queste essenze sono in grado di migliorare il microclima e ridurre l’uso dei combustibili fossili di circa 18 kg-anno per ciascun essenza”. Ciascuna pianta messa a dimora in ambiente urbano “svolge un’azione di riduzione della Co2 equivalente a 3-5 alberi forestali di pari dimensioni”.

In pratica, viene precisato dai consiglieri della maggioranza di centrosinistra, “la messa a dimora di essenze autoctone, e di conseguenza di una sempre più ricca biodiversità, potranno far vivere meglio nel contesto urbano”.
Non è una novità, riconosce Secchi, che il tessuto urbano sia “più vivibile dove esistono delle aree verdi e che gli alberi aiutino a migliorare l’ambiente ed incrementare la biodiversità”, meno comune invece è “sentire parlare di specie arboree antismog e le ricerche scientifiche più recenti indicano gli arbusti originari dell’area mediterranea come i più adatti ad assorbire la CO2 presente nell’aria a causa del traffico”.

I firmatari della mozione sono assertori del fatto che “il verde urbano sia un elemento importante per compensare le emissioni di anidride carbonica derivanti da attività antropiche e che le caratteristiche uniche in natura delle piante capaci di depurare l’aria, dovrebbero far capire che l’ambiente, sia esso urbano o naturale, abbia la forte necessità di rigenerazione e rinaturalizzazione per tutelare e migliorare la qualità della vita di tutti gli esseri viventi”.
Secchi e gli altri consiglieri, sono convinti che “le piante, soprattutto quelle autoctone, possano avere efficacia maggiore per l’assorbimento delle sostanze tossiche presenti in città”.

da L’UNIONE SARDA

(651)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>