Cagliari, rifiuti in cambio di buoni sconto: ok del Consiglio.

Bottiglie in plastica, barattoli e lattine in alluminio o carta in cambio di buoni sconto o ticket da spendere nei negozi convenzionati. Una proposta del consigliere comunale di Sardegna pulita a Cagliari, Giovanni Dore, e inserita nel bilancio di previsione 2015-2017 approvato due giorni fa dal Consiglio. “In sostanza verranno posizionati dei macchinari per la raccolta differenziata automatica e incentivante: chiunque potrà raccogliere bottiglie di plastica, bottiglie Pet, tappi Pvc, barattoli e lattine in alluminio, plastica o carta e, in cambio del loro conferimento, potranno restituire ai cittadini buoni sconto o ticket, da spendere presso esercizi convenzionati. “Un servizio che apporterà dei vantaggi per il decoro urbano – spiega Dore – ma anche per i cittadini ‘volenterosi’ e per quegli esercizi commerciali che decideranno di ospitare nel futuro una di queste macchine con un ritorno quasi del 100%, in quanto quasi tutti i coupon o i ticket con sconti si potrebbero trasformare in acquisti”.

Via libera anche a un altro emendamento di Dore che riguarda “la creazione di una short-list di esperti che possano supportare il Comune – le cui risorse interne sono attualmente dedicate a svolgere tutto il lavoro di pianificazione strategica – nelle altre linee di progettazione, gestione, attuazione, monitoraggio, rendicontazione e controllo da realizzarsi nell’ambito dei programmi comunitari”. Approvati anche due emendamenti del collega di partito Ferdinando Secchi, che avevano già avuto il benestare dell’Aula sotto forma di mozione. “Adesso ci sono le risorse per consentire ad un numero crescente di famiglie, anziani, persone con handicap, di poter ricevere a domicilio i farmaci, quale bene vitale e indispensabile – dice Secchi – con questo servizio  si tuteleranno il diritto alla salute, attraverso un sistema semplice, facilmente accessibile ed economicamente sostenibile, che consenta ai nostri cittadini, soprattutto alle fasce più deboli, di reperire beni di primissima necessità, quali prescrizioni mediche e medicinali, direttamente a domicilio, migliorando la qualità della vita e contrastando i fenomeni di emarginazione di anziani e diversamente abili  costituendo una rete di servizi efficace che abbia al centro il benessere della persona”.

Sì alla concessione di contributi per chi adotta i cani ospitati nei canili comunali. “Con questo provvedimento – sottolinea il proponente Secchi – per l’amministrazione ci potrà essere un triplo beneficio: la riduzione dei costi di gestione del canile e delle strutture convenzionate,  un incentivo per i cittadini che adotteranno e la destinazione di eventuali economie di spesa per l’implementazione della sterilizzazione o magari per erogare dei servizi sociali.

Non solo abbattimento delle spese comunali, ma tanta felicità per i cani ed un aiuto concreto alle famiglie adottanti con un incentivo per ogni cane adottato”.

da CASTEDDU ONLINE (F. Lai)

(1212)

2 thoughts on “Cagliari, rifiuti in cambio di buoni sconto: ok del Consiglio.

  1. Butta l’immondizia e guadagni: proposta CAGLIARI

    Fare la raccolta differenziata guadagnando: ecco la proposta del gruppo consiliare Sardegna Pulita. Il capogruppo Dore: «Un sistema ingegnoso che sposa l’attenzione per l’ambiente con la gratificazione per i cittadini responsabili»

    Fare la raccolta differenziata guadagnando: arriva la proposta del capogruppo di Sardegna Pulita in Consiglio Comunale Giovanni Dore. L’emendamento proposto dal consigliere, ed approvato in Consiglio, riguarda la sistemazione di appositi macchinari per la raccolta differenziata automatica. «Chiunque potrà raccogliere bottiglie di plastica, bottiglie PET, tappi PVC, barattoli e lattine in alluminio, plastica o carta e, in cambio del loro conferimento, le macchine potranno restituire ai cittadini buoni sconto o ticket, da spendere presso esercizi convenzionati» spiega Giovanni Dore.  Quindi vantaggi non solo per l’ambiente e il decoro urbano ma anche e soprattutto per quei cittadini volenterosi e per gli esercizi commerciali che decideranno di ospitare una di queste macchine mangia-rifiuti. Infatti i ticket o i coupon-sconto che i macchinari conferiranno in cambio della spazzatura potrebbero trasformarsi in acquisti da effettuare all’interno del negozio. La pratica virtuosa è già stata adottata in tantissimi paesi europei e a questo riguardo Dore aggiunge per Cagliarioggi.it: «Vogliamo che Cagliari si modernizzi secondo le migliori pratiche europee sul fronte del decoro urbano e della raccolta rifiuti che deve essere intesa non solo come “pulizia”, ma come possibilità economica del “bene-rifiuto”. Ottenere qualche spicciolo o un buono sconto da una lattina o una bottiglia in plastica o vetro aumenterà questa consapevolezza».

  2. Pingback: Sant’Elia, “via ai lavori per il porticciolo o perdiamo il finanziamento”. |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>