02/7/24

La nostra terza proposta: UN NUOVO PATTO PER LA SANITA’ PUBBLICA.

di Giovanni Dore.

Negli ultimi anni la “sanità” pubblica regionale è stata “spolpata” da incapacità manifesta di chi ne ha diretto le politiche e dal prevalere dagli interessi “privati” e di potere rivolti al mero profitto e non agli interessi dei pazienti.

I medici della sanità pubblica sono sottoposti a ritmi di lavoro logoranti e spesso finiscono per dimettersi e operare nel privato.

Continue reading (1009)

01/26/24

LE NOSTRE PROPOSTE

9. POLITICHE SOCIALI: LE FAMIGLIE, I BAMBINI E I GIOVANI.

8. L’URBANISTICA COME GOVERNO DEL TERRITORIO E SVILUPPO NEL RISPETTO AMBIENTALE

7. LO SPORT COME VALORE E STILE DI VITA.

6.  SCUOLA, UNIVERSITA’ E FORMAZIONE.

5.  PIANO DI SVILUPPO DELLA CITTA’ DI CAGLIARI COME PORTA DI TUTTA LA SARDEGNA.

4.  UNA NUOVA CONTINUITA’ TERRITORIALE.

3.  UN NUOVO PATTO PER LA SANITA’ PUBBLICA.

2.  ENERGIA VERDE NELLA SALVAGUARDIA DEL PAESAGGIO E DEL TERRITORIO.

1.  SALVARE LA ATTUALE “CITTA’ METROPOLITANA” DI CAGLIARI NEL RISPETTO DELLA VOLONTA’ POPOLARE (e Dello Statuto Sardo).

 

 

 

 

 

LINEE PROGRAMMATICHE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

*** (409)

05/6/16

Cinque anni in Comune un grande privilegio, tanta fatica e impegno e … una promessa.

di Giovanni Dore.

Quando un mese fa ho iniziato il “viaggio nella memoria” del mio impegno civico ero pieno di sensazioni contrastanti: forze opposte e contrarie che mi spingevano verso decisioni diametralmente opposte.

Nell’ ultimo mese ho parlato con quasi tutti i coordinatori delle varie liste cittadine che mi hanno riservato parole di stima e la possibilità di correre con loro, profilandomi un futuro Continue reading

(6334)

04/30/16

Sa die, i Savoia ed il debito di coraggio da saldare con Giommaria Angioy.

di Giovanni Dore - Consigliere Comunale a Cagliari

La concomitanza della festa dimenticata di Sa die de sa Sardigna e delle manifestazioni contro i simboli cittadini dedicati ai Savoia, dovrebbero indurci ad approfondire qualcosa in più della nostra storia e della incapacità della società sarda di sapersi concretamente affrancare dalle indubbie vessazioni subite dalle dominazioni “forestiere” che proseguono fino ad oggi. Continue reading

(6112)

04/4/16

NUOVO STADIO DI CAGLIARI (il contesto e i “freddi” numeri)

di Giovanni Dore

Con un tempismo mirabolante (meno di due mesi dalle elezioni), arriva in Consiglio Comunale la proposta di delibera che riguarda la demolizione e ricostruzione dello Stadio Sant’Elia, con annessi spazi commerciale e servizi, da parte della Cagliari Calcio S.p.A.

Centinaia di pagine da esaminare e una nuova normativa da studiare (ed interpretare) in pochissimo tempo, per quella che, probabilmente, è l’opera pubblica più importante di Cagliari degli ultimi 40 anni Continue reading

(11577)

03/6/16

La casa alle banche: tra i divieti Costantino e l’astuzia di Maria Elena.

di Giovanni Dore -  (avvocato esperto di diritto comunitario)

Possiamo ascrivere a Costantino il Grande, nel IV secolo, il primo atto giuridico di tutela del “consumatore”. Atto talmente fulgido da esser giunto intatto fino al nostro codice del 1942, dopo esser stato recepito prima in quello giustinianeo e poi in quello napoleonico.

Si tratta del Continue reading

(3966)

02/24/16

Zedda, no ai partiti e ai personaggi per rivincere a tutti i costi.

di Giovanni Dore- consigliere comunale centrosinistra.

L’opinione di Giovanni Dore, consigliere comunale del centrosinistra: “Dico no al risiko della politica, per rivincere a tutti i costi non possiamo imbarcare personaggi che ad ogni elezione vogliono salire sul carro giusto. Poi la gente schifata rimane a casa. Spiegatemelo bene o questa volta a casa rimango anche io”.

Una cosa che non mi è mai piaciuta della politica è il risiko: due armate di qua, attacco alla Kamchatkca e bla bla … Nel 2011 una coalizione di sconosciuti, guidata da un semisconosciuto vinsero le elezioni di Cagliari per 3 motivi: avevano un buon programma, erano abbastanza giovani da conquistare i cittadini con il loro entusiasmo e, soprattutto, si contrapponevano a chi da 20 anni aveva gestito ogni tipo di potere politico. Continue reading

(3416)