COMUNE. Mozione: sindaco e Giunta trovino un impianto I baby rugbisti chiedono un campo dove giocare.

In città manca un campo per il rugby. Una carenza che costringe centinaia di ragazzini, e relativi genitori al seguito, a faticose e costose migrazioni negli impianti delle società dell’hinterland, dove, al contrario, questo sport a torto giudicato minore, gode di ben diverso riscontro da parte di politici e imprenditori. Per colmare questa mancanza scende in campo una squadra trasversale di consiglieri comunali con in testa Giovanni Dore e composta da Ferdinando Secchi, Sebastiano Dessì, Francesca Ghirra, Marisa Depau, Francesco Ballero, Fabrizio Marcello e Gennaro Fuoco, che nei giorni scorsi ha presentato una mozione. In pratica il Comune dovrebbe trovare uno spazio adatto alla realizzazione di una struttura, al resto penserebbe l’Accademia rugby Cagliari, un sodalizio che sino a poco tempo fa giocava nei campi di Monserrato, ora vietati. «Una squadra nella quale militano attivamente ben 140 ragazzi che rischia lo stop di tutte le competizioni», afferma Dore. «Il presidente Vincenzo Mascia più volte ha fatto istanza. Se l’amministrazione reperisce lo spazio è disponibile a realizzare un impianto moderno a proprie spese in project financing in modo che si possano svolgere anche competizioni internazionali».
IL RUOLO SOCIALE Il rugby è uno sport duro per gentiluomini. Prima di tutto il rispetto dell’avversario e delle regole, poi, con il famoso terzo tempo : una sana mangiata che placa gli animi e rende tutti amici. «Tale società rugbystica, inoltre, ha svolto ed intende svolgere anche per il futuro un ruolo di inserimento sociale e scolastico di persone con disagio psichico o sociale», scrivono nella mozione i consiglieri comunali. Che chiedono al sindaco e alla Giunta di «individuare – entro e non oltre il 15 settembre 2015 – nel territorio comunale uno spazio sufficiente a realizzare un impianto sportivo per il rugby (misure non inferiori a 120×80 mt e fino a 140×100 mt, le quali consentirebbero la realizzazione anche di un campo di allenamento e delle tribune). A mero titolo di esempio si indicano i vecchi campi di calcio dell’ippodromo e l’area posta sul retro della Ferrini (attualmente di titolarità regionale, ma trasferibili al Comune)». A realizzare l’impianto, o ad affidarne la realizzazione in project financing spetterà a chi «presenterà il relativo progetto».

da L’UNIONE SARDA (a. a.)

(1187)

2 thoughts on “COMUNE. Mozione: sindaco e Giunta trovino un impianto I baby rugbisti chiedono un campo dove giocare.

  1. Cagliari, manca un campo per il rugby: sos in Comune Mozione del centrosinistra in Consiglio comunale.

    Rugbisti cagliaritani senza campo e costretti ad emigrare nelle strutture sportive dell’hinterland. L’sos, dopo gli appelli delle società sportive, arriva in Consiglio comunale con una mozione presentata dal consigliere di Sardegna pulita, Giovanni Dore, e condivisa da gran parte del centrosinistra. “In città, a fronte di decine di impianti per calcio, basket e pallavolo – spiega Dore – è cronica la mancanza di spazi sportivi per la pratica dei cosiddetti sport ‘minori’come il rugby, praticato da centinaia di ragazzi nelle varie categorie giovanili”. Un disagio che riguarda in particolare la società “Accademia Rugby Cagliari”, che partecipa ai diversi campionati regionali della F.I.R. ed è spesso presente in tornei nazionali ed internazionali. “Ad oggi esiste un solo impianto utilizzato per il rugby in città – si legge nella mozione – che insiste in un’area posta tra il Comune di Cagliari e quella di Monserrato. In passato detto impianto, che non risulta affidato formalmente ad alcuno, era utilizzato da due società sportive, e a partire dallo scorso autunno, l’Accademia Rugby Cagliari non vi ha potuto più accedere nel silenzio dell’amministrazione comunale. La società, attualmente senza campo, spende una media di 150 euro a partita per poter disputare la gara casalinga in un campo gestito da un’altra società. E non avendo una sede propria, che può indicare nei tornei che andrà ad effettuare nel 2015/16, corre il rischio di essere cancellata dalla federazione”. La richiesta è quella di “individuare entro e non oltre il 15 settembre, nel territorio comunale un spazio sufficiente a realizzare un impianto sportivo per il rugby”. Come esempio vengono indicati i vecchi campi di calcio dell’ippodromo e l’area posta sul retro della Ferrini, attualmente di titolarità regionale, ma trasferibili al Comune. “La società – precisa Dore – è disponibile a realizzare u impianto moderno a proprie spese in project financing, in modo che si possano svolgere anche competizioni internazionali”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>