La nostra terza proposta: UN NUOVO PATTO PER LA SANITA’ PUBBLICA.

    di Giovanni Dore.

    Negli ultimi anni la “sanità” pubblica regionale è stata “spolpata” da incapacità manifesta di chi ne ha diretto le politiche e dal prevalere dagli interessi “privati” e di potere rivolti al mero profitto e non agli interessi dei pazienti.

    I medici della sanità pubblica sono sottoposti a ritmi di lavoro logoranti e spesso finiscono per dimettersi e operare nel privato.

    Gli operatori del pronto soccorso hanno orari e carichi “sovraumani” (i monitor di Sardegna Salute certificano attese per oltre 12 ore). I posti per operatori sanitari di vario tipo spesso non vengono banditi e sono appannaggio di appoggi e militanza politici a discapito delle persone capaci e “indipendenti”.

    Occorre una “rivoluzione copernicana” che parta dai principi costiuzionali di tutela della salute pubblica.

    In questo ambito, con l’ausioli di alcuni medici operanti nel settore pubblico, abbiamo elaborato alcune ideee concrete che vanno nella giusta direzione

    Le nostre proposte:

    Prima proposta (breve termine/emergenza):

    - dare agli specializzandi l’opportunità di lavorare negli ospedali, con premi curriculari per coloro che vanni negli ospedali periferici, adeguamento delle borse e accelerando l’esperienza “sul campo” come avviene in realtà europee e nazionali;

    - attivazione procedure di concorso centralizzate per parasanitari;

    - studiare la fattibilità di una ricontrattazione dei requisiti per l’accreditamento con le Case di Cura private con l’apertura di PS per codici bianchi e verdi, in modo da liberare i PS pubblici per i casi più gravi.

    Tempo di realizzo: entro un anno.

    Seconda proposta (medio termine): rendere appetibili per i giovani medici i posti nella Sanità pubblica e soprattutto negli ospedali periferici, con agevolazioni economiche (stipendio, indennità, affitto casa) e premialità curricolari per concorsi e avanzamenti di carriera. Tempo di realizzo: due anni.

    Terza proposta (lungo termine): censimento dei medici in attività e valutazione fabbisogni specialistici e aumentando i posti nelle scuole di specializzazione per le discipline più carenti con relativi bonus (aumento borse di studio, riduzione tasse, prospettive di lavoro). Tempo di realizzo: cinque anni

    (1009)

      Lascia un Commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      *

      È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>