L’incompetenza dei politici è la vera questione morale.

 

di Giovanni Dore.

Fare la morale quando avvengono gli scandali è ritenuto poco elegante, farla quando tutto appare tranquillo è da teorici formalisti. Così il dibattito sulla morale nella politica viene relegato in qualche convegno dal vago sentore filosofico, al quale partecipano anziani signori, qualche intellettuale e un piccolo gruppetto di baldanzosi giovani di partito in mezzo a… tante sedie vuote.

E sui social network, dove si sprecano le pubblicazioni di foto in bianco e nero accompagnate da eloquenti citazioni di famosi uomini della storia, acchiappate qua e là sugli innumerevoli siti sparsi in rete o sull’immancabile Wikipedia. Nel mentre, dentro i partiti, nelle istituzioni e nella società in genere si continua ad agire allo stesso modo: contrario all’interesse pubblico. Ci lamentiamo, talora a ragione, della poca autonomia di cui abbiamo goduto dallo Stato e delle sofferenze che il legame con  Roma ci ha causato. Eppure quella che ci è stata concessa, spesso, è andata sprecata.

Un esempio è proprio quello che tiene banco nelle cronache politiche (e giudiziarie) di questi giorni. Il fatto che la nostra massima assemblea regionale abbia autonomia patrimoniale e finanziaria è sicuramente un aspetto positivo. E lo stanziamento di consistenti fondi a supporto dell’attività politica dei gruppi consiliari un’opportunità unica. Costituisce consolidato principio democratico quello di non poter attribuire una carica elettiva per censo o meriti curriculari, ma sulla base del consenso che ogni candidato riesce a riscuotere tra i propri concittadini. Pertanto, diritto-dovere di ogni consigliere regionale, a prescindere da quale sia la propria “base” di partenza, è quello di diventare un buon conoscitore di un elevato numero di settori (diritto, economia, sociologia, cultura, tradizioni, ecc.) in modo da poter legiferare con una discreta competenza e cognizione di causa. Ma tutto questo, negli ultimi tempi, non si è veri cato. E gli eletti, per lo più, si sono applicati ad esercitare il potere, a svolgere pratiche di piccolo (o grande) “cabotaggio” ed a mantenere il proprio status di privilegiati, anche sotto il profilo economico.

Se il Consiglio regionale in questi anni ha legiferato poco e male, costringendo i cittadini ad infrangersi contro il muro dell’ottusa burocrazia, della inefficienza pubblica o dei “predatori” privati è, soprattutto, colpa di tale sistema.

No, non sono tutti ladri, né tutti furbi i nostri rappresentanti, ma abbiamo il dovere di chiudere con il passato, anche perché il silenzio su questi temi è stato “tombale” da parte di (quasi) tutti dentro le istituzioni e dentro i partiti. Perché se è vero che i processi si fanno in Tribunale e che va garantita la presunzione di innocenza di tutti gli interessati, il vero fallimento dell’attuale classe politica regionale è costituito dal fatto che ha mostrato al proprio popolo, nel momento di massima crisi economica dell’isola, di impegnarsi più di trovare un modo di giusticare (congruamente o truffaldinamente a seconda dei casi) l’incasso dei fondi istituzionali, in aggiunta al lauto stipendio, che di fare delle buone leggi per lo sviluppo della Sardegna.
*Consigliere comunale a Cagliari.
da L’UNIONE SARDA 11.11.2013 (pag,7 )

(2021)

2 thoughts on “L’incompetenza dei politici è la vera questione morale.

  1. sono d’accordo, non tutti i politici sono disonesti, i problemi di fondo sono tanti.
    uno, il fatto è che una volta si entrava in politica per passione, convinzione e
    il bene del paese, ora tanti (quasi tutti) entrano in politica per lo stipendio, e poi
    l’occasione: fa l’uomo ladro.
    due, ai politici darei la responsabilità delle scelte che fanno per conto dei cittadini,
    se io faccio un debito lo devo onorare, se il politico sfora il budget e fa debiti, lo paghi
    e poi si ritira.
    anche mandarli in carcere e troppo facile e il paese oltre al furto deve pagare anche le spese
    per mantenerli in carcere, oltre al danno anche la beffa, vanno condannati senza processo alla
    restituzione di quanto sottratto.
    di mantenimento del carcere,

  2. Pingback: Giovanni Dore, candidato alle elezioni 2014. |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>