La nostra sesta proposta: SCUOLA, UNIVERSITA’ e FORMAZIONE.

    di Giovanni Dore.

    In Sardegna abbiamo il più alto tasso di dispersione scolastica, il corpo docente e dirigente non è valorizzato e spesso è abbandonato alla buona volontà e all’iniziativa dei singoli, gli edifici scolastici necessitano di manutenzione ordinaria e di rinnovamento, i ragazzi tra i 10 e i 20 anni, appena reduci dalla devastazione psicologica della pandemia, sono ignorati da tutti nelle loro esigenze di studio e di formazione.

     

     

    Le distanza tra i plessi scolastici, le università e i luoghi di residenza degli studenti sono complicati da un sistema di trasporti inefficiente.

    LA NOSTRA PROPOSTA:

    1) Approvazione di una Legge quadro istruzione, con queste caratteristiche:

    - destinazione di una quota maggiore del bilancio regionale al settore (compreso l’insegnamento di storia, cultura e lingua sarda);

    - criteri specifici in materia di distribuzione delle autonomie scolastiche, sulla base di digitalizzazione e utilizzo locali scolastici per attività pomeridiane “extra”;

    - piano straordinario di intervento per l’edilizia scolastica (riqualificazione/ricostruzione in base alla programmazione territoriale);

    - favorire i patti territoriali finalizzati a una programmazione degli interventi educativi costruendo alleanze enti locali / istituzioni scolastiche / organizzazioni terzo settore / imprese;

    - valorizzazione risorse umane scolastiche sul modello del Trentino-Alto Adige con misure innovative di formazione dei docenti;

    2) Contrasto alla dispersione scolastica a partire da:

    - potenziamento scuola dell’infanzia e degli asili nido;

    - istituzione regionale del percorso zero/sei anni, già normato a livello statale;

    - creazione team multidisciplinari per intercettare disagi del territorio (maestri di strada, counselor, psicologi);

    3) Implementazione percorsi di alta formazione e lavoro:

    - ampliamento offerta di borse di studio, assegni di ricerca, dottorati innovativi soprattutto in materia di sviluppo culturale, tecnologico, economico e sociale della Sardegna;

    - riattivazione del “master and back” condizionato all’approvazione di uno specifico percorso di rientro in un patto università/imprese;

    - previsione di programmi di formazione/impresa per gli istituti tecnici, professionali e gli ITS;

    - programmi di formazione specifici su conoscenze finanziarie e utilizzo del digitale;

    4) Contrasto al disagio giovanile e promozione di uno stile di vita sano, dello sport, della musica e dell’arte, attraverso campagne di divulgazione e sensibilizzazione nelle scuole;

    5) Previsione di un sistema di trasporti regionale che inserisca nuovi percorsi in base alle principali distanze, utilizzando anche formule di automezzi con posti ridotti e a chiamata.

      (1089)

      Lascia un Commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      *

      È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>